sabato 19 aprile 2014

Buona Pasqua con la coratella


Abitualmente non cucino frattaglie, musetti, code and C. e l’assenza di esperienza nella preparazione e nella cottura di queste “parti” mi ha un po’ sconfortato quando ho letto il tema dell’MTC della sfida di aprile. Tuttavia, cercando di memorizzare le parti dell’animale che vanno sotto il nome di quinto quarto, non ho potuto fare a meno di ricordare alcuni piatti della mia infanzia, come le cervella fritte o il fegato alla piastra.

Non so quanti di noi, oggi, consumino abitualmente frattaglie, anche se alcuni grandi chef le hanno riabilitate e inserite nei loro menu non credo che sulle nostre tavole compaiano di frequente, per quanto mi riguarda, c’è qualcosa nel loro utilizzo che mi affascina ed è il principio del recupero e del non buttare nulla. Era proprio a questa idea che la sapiente arte culinaria delle generazioni che ci hanno preceduto si ispirava e nonostante il quinto quarto consistesse nelle parti meno pregiate veniva spesso trasformato in pietanze succulenti e  gustose.
Vincendo una certa ritrosia, lo ammetto, ho deciso di cucinare per la prima volta la coratella e per farlo mi sono affidata ad una ricetta molto semplice del Cucchiaio d’Argento. 
In questi giorni sono in viaggio e tutti i miei programmi sono saltati, per fortuna il mio portatile non mi abbandona e ho la possibilità con questa ricetta preparata in anticipo di augurarvi

Buona Pasqua.


Coratella in tegame
Ingredienti per quattro persone
460 g di coratella
1 spicchio di aglio
1 carota
1 sedano
olio
sale pepe
½ bicchiere aceto bianco di mele
Preparazione
Pulite la coratella e tagliate a cubetti i polmoni, il cuore e le altre frattaglie. Tagliate a strisce il fegato e mettete da parte. Scaldate 3 cucchiai d’olio in una padella aggiungete l’aglio leggermente schiacciato senza togliere la pelle e fatelo dorare, aggiungete la carota e il sedano tritati e lasciate insaporire qualche minuto. Versate nella padella i polmoni e fate cuocere circa tre minuti mescolando con cura. Aggiungete il cuore e le altre frattaglie e continuate a cuocere per un paio di minuti. Infine, versate il fegato e continuate la cottura per due, tre minuti. Versate l’aceto e fate sfumare.



Con questa ricetta partecipo all'MTC di aprile il cui tema è il quinto quarto proposto da Cristiana del blog Beuf à la mode


29 commenti:

  1. mi ricordo della coratella la adoepravano i miei nonni in cucina per Pasqua, un bel flash di ricordi mi hai dato, tanti cari auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono stata trasportata nel passato da questo piatto! Passerò da te a farti gli auguri "di persona".

      Elimina
  2. Tu renderesti fotogenica qualunque cosa :) Io la carne ho provato a fotografarla: un disastro :)Troppo belle queste foto, resto sempre incantata :) Mai assaggiata la coratella, ma è così bella anche se non viene toccata dalle tue mani? :)
    Ti auguro una serena Pasqua Simo :) Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la luce della primavera finalmente aiuta!!! Ero molto prevenuta ma ti dirò che questa coratella non è male!! Un abbraccio.

      Elimina
  3. Passo con piacere ad augurarti una felice Pasqua <3
    A presto!
    la zia Consu

    RispondiElimina
  4. anche tu guidata dal fascino dell'MTC non hai potuto fare a meno di partecipare anche su un'argomento non facile.. lo sai che siamo nella stessa barca e qui bisogna remare!! sai anche che nemmeno io non amo il genere ma son convinta che sia un piatto che piace moltissimo. Sono una di quelle che si fa ingannare dall'aspetto e vedendo la bellezza della ricetta finita son convinta che assaggerei!!!! un grossissimo bacio e tanti auguroni cara!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo assolutamente sulla stessa lunghezza d'onda!!! E devo dire grande MTC che ci fa essere ardite!!! Baci

      Elimina
  5. Tanti auguri di buona Pasqua a te Simona, sai che non mangiamo la carne ma le tue foto e la tua preparazione è davvero bella e invitante. Ti abbracciamo, ti vogliamo tanto bene!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Un abbraccio ma passerò a darvelo "di pirsona pirsonalmenti" come dice il mitico Cataré di Montalbano. Baci

      Elimina
  6. Con le tue foto anche le frattaglie hanno il loro perché!!!
    Ancora auguri
    Alice

    RispondiElimina
  7. Ammetto di avere delle resistenze a mangiare le frattaglie, non tanto per il sapore, ma perchè mi fa un po' impressione l'idea... ma se mi porgi un piatto e non mi dici cos'è, ehehe, vedrai che lo gradisco assai! :-)
    Tanti auguri, Simo, volevo farteli qui nella tua cucina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamo le frattaglie alla cieca? Devo ammettere che pur non essendo i "miei" piatti il sapore non è affatto male! Un abbraccio cara Franci.

      Elimina
  8. urco Simo, tu sei davvero oltre.... Pure i polmoni! pensa che me li hanno dati questo autunno e io li ho passati a mia madre che li ha cotti per il cane, non ce la potevo fare... Grandissima come sempre, e le foto son poetiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehh!!! Il cagnolino si sarà leccato i baffi!! Ovviamente questo mio impegno è tutto merito dell'MTC che ci fa fare cose che voi umani.... Un abbraccio

      Elimina
  9. Come sempre le tue foto rendono affascinanti anche la coratella e mi fa venire voglia di assaggiarle ;-) io mi devo cimentare spero di farcela ma visto che sono aFirenze il tempo e' davvero poco!!!
    Buona Pasqua caraSimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ila cara Buona Pasqua anche a te. Sono sicura che a Firenze riceverai ottimi spunti per l'MTC di questo mese. Un abbraccio

      Elimina
  10. Ciao Simo:* il piacere di conoscerti è tutto mio:) questo spazio è davvero incantevole, le foto sono bellissime e ben curate e ci è voluto poco per sentirmi a casa:)
    Ti devo confessare che non amo particolarmente le frattaglie, principalmente non amo la loro consistenza al palato e per questo le cucino proprio raramente. Però mi ritrovo nelle tue parole.. sono cibi ricchi di tradizione, pregni di ricordi (le cervella fritte si preparavano anche a casa mia) sopratutto, sposo pienamente il principio del riciclo degli avanzi perchè in cucina, non si butta via nulla e in quest'ottica mi piacerebbe riabilitare al mio palato anche questo tipo di cibi... Adesso mi leggo bene il procedimento della tua coratella e chissà mai che parta proprio da qui:* grazie:)
    Un caro saluto e buone feste:))

    RispondiElimina
  11. Ciao Simo. Sai che a me le frattaglie piacciono? Mo' so' strana!!!! ahahahah
    Un abbraccio fortissimo. A presto

    RispondiElimina
  12. Ciao Simo,
    da noi al sud le frattaglie si mangiano molto soprattutto arrostite e fatte ad involtino (si chiamano gnumerid'). In Francia poi mangiare la lingua è un must anche se a me non piace. Tu, con la tua ricetta sei stata davvero molto brava, complimenti!!! In bocca al lupo per MTC.
    Buona Pasqua e Pasquetta a te e alla tua famiglia.
    Un mega abbraccio :*

    RispondiElimina
  13. Vi ammiro, mi piace vedere queste ricette e questi piatti, molti della tradizione ma davvero la sfida di questo mese mi mette a dura prova :-) Di solito mi segno tutte le varianti che pubblicate ma con le frattaglie devo dire sono in difficoltà :-), resta il fatto che la ricetta è bella e splendidamente presentata, magari prendo coraggio e provo! Ho scoperto solo oggi il tuo blog e ti faccio i miei complimenti da oggi ti seguirò con molto piacere! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Ciao! La ricetta mi piace molto proprio per la sua semplicità e poi perché sei riuscita a portare, anche se solo virtualmente, un po' di coratella sulla mia tavola di Pasqua...è tanto che non la mangio. Hai ragione, in parte, sul fatto che le frattaglie si vedano poco sulle nostre tavole; in realtà credo dipenda molto da dove si vive: pur abitando alle porte di Roma, la mia è ancora zona di campagna...un po' paesana e qui rientrano abbastanza normalmente nei menu domenicali. Non ti sei fatta spaventare e ti sei affidata ad una ricetta collaudata: scelta indovinata! Complimenti per le foto...che rendere fotogenica una coratella ce ne vuole! Buon viaggio cri

    RispondiElimina
  15. Ma sei una MTCina anche tu, che bello scoprirlo. La coratella la faceva la mia mamma tanti anni fa ma è veramente un secolo che non la rimangio. Bravissima.

    RispondiElimina
  16. Aprrezzo il principio del recupero e le tue foto (non e'mica semplice fotografare un piatto del genere) nonostante non ami la carne in generale :-)
    Un bacione

    RispondiElimina
  17. Ogni volta che passo a trovarti vedo cose belle ;-) Un abbraccio
    Lidia

    RispondiElimina
  18. foto splendide, come sempre, e se uno riesce a fare foto splendide con la coratella può fare tutto :-)
    mi piace l'approccio che hai avuto: non cucino il quinto quarto di solito, mi cimento con una ricetta della tradizione.
    condivido appieno.

    RispondiElimina
  19. complimenti per la ricetta, se mai la provasi sarebbe anche per me la prima volta!!!
    e complimenti ancora più per le foto!!

    ciao
    elisa

    RispondiElimina